lampuga

Lampi e lampughe

di Ciro Cenatiempo

Il lampo del titolo è un’illuminazione, legata a un riflesso speciale, quello arcobalenico della lampuga che si batte sotto la barca prima di mollare e lasciarsi tirare su: è un flash scenografico che si fa flashback e gioco di parole. Come piace a me. La lampuga ha una livrea cangiante, fotomutevole; una faccia arcaica, antichissima e mi affascina in modo indicibile: è catturata ancora con la cosiddetta pesca d’ombra che utilizza palmizi e frasche, ed è uno dei pesci (azzurri) più popolari e saporiti che si conosca dagli albori della civiltà mediterranea e non solo.

santa maria

Assaggi pedemontani

Se potessi farvi da guida, per almeno un paio di settimane, ogni giorno vi accompagnerei in un sito diverso in... altura. Così intensa di diversità, la geografia pedemontana dell’isola è un frullatore di prospettive inattese, di avvincenti esplorazioni, di conquiste appaganti, di connessioni carnali. Prendete la cartina.

avvicinarmi cielo

Voglio avvicinarmi al cielo

Da Serrara Fontana posso godere di una frescura inedita e l’aria fresca che si cela dietro alla calura di fine estate, annuncia il settembre del cambiamento, della vendemmia e del pensiero. Se il mare è il senso di liberazione e di fuga dalla quotidianità, il senso inesauribile di infinito che vi toglie il respiro a ogni passo che vi avvicina all’orizzonte; la montagna, e il Monte Epomeo in particolare, è il ritorno a sé stessi, alla parte genuina fatta di terre, radici e polveri.

nicolella

Ermanno Nicolella e i sapori della felicità

di Ciro Cenatiempo

Lo conosco da quando era un ragazzino e non è cambiato. È sempre in giro, ma non smettiamo di tenerci in contatto. Ermanno Nicolella fa di professione il cuoco con la vocazione del giramondo nel segno di sapori veri e potenti. Già questo è una garanzia. Poi, ascoltandolo, o lasciandogli trascrivere un po’ di pensieri in velocità, ecco che si svela un ottimo interlocutore per aprire una vetrina curiosa e interessante sul suo spicchio di mondo. «Devo la mia passione per la cucina alla mia famiglia, alle nostre origini contadine, alla cultura del cibo sano e al valore delle risorse naturali del territorio». Bastano poche frasi per comprendere – e la battuta è in tono – di che pasta è fatto Ermanno: semplicità e genuinità, e innumerevoli esperienze al top.

Monte-Epomeo-ischia

Salita al Monte Epomeo

L’isola d’Ischia grazie alla sua conformazione geo-morfologica ed alle peculiarità climatiche rappresenta un unicum ambientale nel Mediterraneo, uno scrigno pieno di tesori, un laboratorio dove vivere e comprendere appieno il significato del concetto di biodiversità. Da un punto di vista geologico essa è un complesso di zolle diverse sollevate ed inclinate, separate da fratture e faglie che servirono spesso da via d’uscita al magma del bacino locale, dando così origine ad una serie di strutture vulcaniche. 

epomeo

Viaggio all'alba della storia

‘N coppa Santu Nicola. Così gli ischitani hanno definito per secoli la loro montagna. Una indicazione geografica incomprensibile a chi non sia figlio dell’isola. E introvabile sulle carte topografiche, a cominciare da quella più antica di Mario Cartaro del 1588. Che, invece, ufficializzò il nome con cui il dominatore di tutte le altre alture sarebbe diventato noto ai forestieri: Epomeo.

Magazine Ischia news & eventi

Come avere le guide di Ischia.it

Redazione ischia.it

  • Indirizzo P.zza Trieste e Trento, 9
  • Telefono +(39) 0813334747
  • fax +(39) 0813334715
  • email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Sito web www.ischia.it
  • skypeCall center
  • whatsappg+39.3296885973

Info su Ischia

  • Superficie: 46 Kmq
  • Altezza: 789 mt
  • Lat.: 40° 44',82 N
  • Long.: 13° 56',58 E
  • Periplo: 18 miglia
  • Coste: 51.2 Km
  • Comuni: 6
  • Abitanti: 58.029

Social

Iscriviti alla Newsletter

Sottoscrizione al feed