Ischia.it - Hotel ed informazioni sull'isola d'Ischia Ischia.it, informazioni turistiche, alberghi, hotels, ristoranti, appartamenti, ville, spiagge sull'isola d'Ischia, orari marittimi ed eventi sempre aggiornati. http://www.ischia.it/ 2018-07-22T09:49:52+02:00 Joomla! - Open Source Content Management Di acqua e di argilla, le terrecotte firmate dell'isola dei vasai 2017-06-21T11:52:00+02:00 2017-06-21T11:52:00+02:00 http://www.ischia.it/it/di-acqua-e-di-argilla-le-terrecotte-firmate-dell-isola-dei-vasai Milena Barbieri milena@pointel.it <div class="feed-description"><p><img src="images/argilla.jpg" alt="argilla" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" title="Argilla e terracotta" width="600" height="400" /></p> <p>di Isabella Marino*</p> <p><br />Il suo vero nome non lo sapremo mai. Ma quattro lettere in alfabeto calcidese, scritto da destra verso sinistra,&nbsp; sono state sufficienti a risparmiargli l&rsquo;anonimato&nbsp; comune alla maggioranza dei suoi colleghi. C&rsquo;&egrave; l&rsquo;ha fatta, Inos, a sconfiggere l&rsquo;oblio. E il tempo. E&rsquo; bastato un frammento del cratere su cui ventotto secoli fa dipinse una frase inequivocabile: &ldquo;&hellip;Inos m&rsquo;ep&ograve;iese &ndash; Inos mi fece&rdquo;. Quella firma, apposta alla fine dell&rsquo;VIII&nbsp; secolo a.C., &egrave; la pi&ugrave; antica di un artigiano giunta fino a noi. Per raccontarci la storia di un oggetto di uso&nbsp; quotidiano ritrovato sulla collina di Mazzola, nell&rsquo;odierna Lacco Ameno, zona residenziale e di officine metallurgiche dell&rsquo;antica&nbsp; Pithecusa. A poche decine di metri, in linea d&rsquo;aria, dal pi&ugrave; costiero &ldquo;keram&egrave;ikos&rdquo;, il quartiere dei vasai scoperto dalla met&agrave; del secolo scorso nell&rsquo;area archeologica sotto la basilica di Santa Restituta, dove anche Inos modellava e decorava la creta locale.</p> </div> <div class="feed-description"><p><img src="images/argilla.jpg" alt="argilla" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" title="Argilla e terracotta" width="600" height="400" /></p> <p>di Isabella Marino*</p> <p><br />Il suo vero nome non lo sapremo mai. Ma quattro lettere in alfabeto calcidese, scritto da destra verso sinistra,&nbsp; sono state sufficienti a risparmiargli l&rsquo;anonimato&nbsp; comune alla maggioranza dei suoi colleghi. C&rsquo;&egrave; l&rsquo;ha fatta, Inos, a sconfiggere l&rsquo;oblio. E il tempo. E&rsquo; bastato un frammento del cratere su cui ventotto secoli fa dipinse una frase inequivocabile: &ldquo;&hellip;Inos m&rsquo;ep&ograve;iese &ndash; Inos mi fece&rdquo;. Quella firma, apposta alla fine dell&rsquo;VIII&nbsp; secolo a.C., &egrave; la pi&ugrave; antica di un artigiano giunta fino a noi. Per raccontarci la storia di un oggetto di uso&nbsp; quotidiano ritrovato sulla collina di Mazzola, nell&rsquo;odierna Lacco Ameno, zona residenziale e di officine metallurgiche dell&rsquo;antica&nbsp; Pithecusa. A poche decine di metri, in linea d&rsquo;aria, dal pi&ugrave; costiero &ldquo;keram&egrave;ikos&rdquo;, il quartiere dei vasai scoperto dalla met&agrave; del secolo scorso nell&rsquo;area archeologica sotto la basilica di Santa Restituta, dove anche Inos modellava e decorava la creta locale.</p> </div> De Formae: trasfigurazioni e mutazioni inconsce 2017-08-21T11:30:00+02:00 2017-08-21T11:30:00+02:00 http://www.ischia.it/it/de-formae-trasfigurazioni-e-mutazioni-inconsce Milena Barbieri milena@pointel.it <div class="feed-description"><p><img src="images/Primavera-Ischia/Transfiguration_Raphael-copy.jpg" alt="Transfiguration Raphael copy" width="100%" height="NaN" class="caption" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" title="Transfigurazione" /><em>In dialogo con Luca D&rsquo;ambra dei Giardini Ravino</em></p> <p>Il secondo giardino in cui entro per raccontare l&rsquo;umano, quello nascosto tra le trame imprenditoriali di un&rsquo;isola che vive di natura e di bellezza. Di questa bellezza, per&ograve;, non ne si parla quotidianamente, essa si pu&ograve; solo esperire tramite il racconto. Come diceva un mio amico filosofo: &ldquo;E&rsquo; a&rsquo; guerra!&ldquo;. Ossia &egrave; bello, e il bello, la bellezza proviene da bellum (Latino per guerra).<br />La bellezza di cui se ne pu&ograve; fare racconto e che parla di forme che mutano, &egrave; veramente tale: fa guerra e vuole conquiste in difesa del proprio, ma che cos&rsquo;&egrave; veramente proprio?<br />Inizia qui il racconto di Luca D&rsquo;Ambra, il quale rappresenta la sua famiglia, la sua storia, quella delle persone che hanno impostato un progetto di vita, apparentemente legato solo ad una passione personale, e che poi ha assunto caratteristiche imprenditoriali, sociali.</p> </div> <div class="feed-description"><p><img src="images/Primavera-Ischia/Transfiguration_Raphael-copy.jpg" alt="Transfiguration Raphael copy" width="100%" height="NaN" class="caption" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" title="Transfigurazione" /><em>In dialogo con Luca D&rsquo;ambra dei Giardini Ravino</em></p> <p>Il secondo giardino in cui entro per raccontare l&rsquo;umano, quello nascosto tra le trame imprenditoriali di un&rsquo;isola che vive di natura e di bellezza. Di questa bellezza, per&ograve;, non ne si parla quotidianamente, essa si pu&ograve; solo esperire tramite il racconto. Come diceva un mio amico filosofo: &ldquo;E&rsquo; a&rsquo; guerra!&ldquo;. Ossia &egrave; bello, e il bello, la bellezza proviene da bellum (Latino per guerra).<br />La bellezza di cui se ne pu&ograve; fare racconto e che parla di forme che mutano, &egrave; veramente tale: fa guerra e vuole conquiste in difesa del proprio, ma che cos&rsquo;&egrave; veramente proprio?<br />Inizia qui il racconto di Luca D&rsquo;Ambra, il quale rappresenta la sua famiglia, la sua storia, quella delle persone che hanno impostato un progetto di vita, apparentemente legato solo ad una passione personale, e che poi ha assunto caratteristiche imprenditoriali, sociali.</p> </div> Giulio Grablovitz a Ischia 2017-08-21T11:30:00+02:00 2017-08-21T11:30:00+02:00 http://www.ischia.it/it/giulio-grablovitz-a-ischia Milena Barbieri milena@pointel.it <div class="feed-description"><p><img src="images/Primavera-Ischia/Fig8_GuacheEruzioneVesuvio1794.jpg" alt="Fig8 GuacheEruzioneVesuvio1794" width="100%" height="NaN" class="caption" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" title="Guache relativa alla distruzione di Torre del Greco" /></p> <p><strong>uno scienziato sospeso fra terra e cielo</strong></p> <p><em>di Graziano Ferrari*</em></p> <p>&laquo;27 gennaio 1886 - Prendo residenza ad Ischia, provvisoriamente alla Casina Reale&raquo;. <br />Con queste poche parole una mattina d&rsquo;inverno, meno di tre anni dopo il terremoto che distrusse Casamicciola, Giulio Grablovitz annot&ograve; nel suo diario l&rsquo;inizio della sua permanenza stabile nell&rsquo;isola.&nbsp; Cosa andr&agrave; a fare lo studioso triestino e perch&eacute;, &egrave; tutto da scoprire! La storia inizia dieci anni prima. <br />Fitti e affascinanti sono gli eventi che&nbsp; legano il nostro misterioso scienziato alla terra, al&nbsp; mare e al cielo di questa meravigliosa isola. Ma andiamo con ordine.</p> </div> <div class="feed-description"><p><img src="images/Primavera-Ischia/Fig8_GuacheEruzioneVesuvio1794.jpg" alt="Fig8 GuacheEruzioneVesuvio1794" width="100%" height="NaN" class="caption" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" title="Guache relativa alla distruzione di Torre del Greco" /></p> <p><strong>uno scienziato sospeso fra terra e cielo</strong></p> <p><em>di Graziano Ferrari*</em></p> <p>&laquo;27 gennaio 1886 - Prendo residenza ad Ischia, provvisoriamente alla Casina Reale&raquo;. <br />Con queste poche parole una mattina d&rsquo;inverno, meno di tre anni dopo il terremoto che distrusse Casamicciola, Giulio Grablovitz annot&ograve; nel suo diario l&rsquo;inizio della sua permanenza stabile nell&rsquo;isola.&nbsp; Cosa andr&agrave; a fare lo studioso triestino e perch&eacute;, &egrave; tutto da scoprire! La storia inizia dieci anni prima. <br />Fitti e affascinanti sono gli eventi che&nbsp; legano il nostro misterioso scienziato alla terra, al&nbsp; mare e al cielo di questa meravigliosa isola. Ma andiamo con ordine.</p> </div> Sant’Anna, un fascino senza fine 2017-07-14T11:10:00+02:00 2017-07-14T11:10:00+02:00 http://www.ischia.it/it/sant-anna-un-fascino-senza-fine Milena Barbieri milena@pointel.it <div class="feed-description"><p><img src="images/Primavera-Ischia/phoca_thumb_l_er0397_aaa_4339.jpg" alt="phoca thumb l er0397 aaa 4339" width="100%" class="caption" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" title="Festa a mare agli scogli di Sant'Anna" />La festa di Sant&rsquo;Anna risale ad una tradizione del secolo scorso. Il 26 di Luglio, d&rsquo;ogni anno, le donne gravide andavano in processione a venerare l&rsquo;effige della Madre della Madonna che si trovava in una cappella nella baia di Cartaromana. Esse erano accompagnate da un corteo composto dalle barche dei pescatori, che per l&rsquo;occasione addobbavano lo scafo con frasche e ghirlande di fiori.</p> </div> <div class="feed-description"><p><img src="images/Primavera-Ischia/phoca_thumb_l_er0397_aaa_4339.jpg" alt="phoca thumb l er0397 aaa 4339" width="100%" class="caption" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" title="Festa a mare agli scogli di Sant'Anna" />La festa di Sant&rsquo;Anna risale ad una tradizione del secolo scorso. Il 26 di Luglio, d&rsquo;ogni anno, le donne gravide andavano in processione a venerare l&rsquo;effige della Madre della Madonna che si trovava in una cappella nella baia di Cartaromana. Esse erano accompagnate da un corteo composto dalle barche dei pescatori, che per l&rsquo;occasione addobbavano lo scafo con frasche e ghirlande di fiori.</p> </div> Naso a naso con Marco Varriale 2017-06-21T11:52:00+02:00 2017-06-21T11:52:00+02:00 http://www.ischia.it/it/naso-a-naso-con-marco-varriale Milena Barbieri milena@pointel.it <div class="feed-description"><p><br /><img width="600" height="400" title="Marco Varriale" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" alt="naso naso" src="images/naso-naso.jpg" /></p> <h3>Con Lui, abbiamo il piacere di esplorare il mondo della profumeria artistica, o di nicchia, un universo che preserva e conserva tutto un apparato qualitativo e creativo non rintracciabile nella profumeria tradizionale.</h3> <p>Marco Varriale e&rsquo; diventato ormai uno dei professionisti e dei veterani del settore ad Ischia. La sua profumeria artistica Essence, negli anni si &egrave; trasformata in un salotto d&rsquo;incontro, di comunicazione, di scambio, di amicizia, di educazione "nell'arte del profumarsi".<br />Attraverso le sue ricerche e la sua esperienza profumiera e&rsquo; riuscito a fondere unicit&agrave;, raffinatezza e classe in un modo naturale e spontaneo per donare personalit&agrave; con una soluzione olfattiva ideale.</p> </div> <div class="feed-description"><p><br /><img width="600" height="400" title="Marco Varriale" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" alt="naso naso" src="images/naso-naso.jpg" /></p> <h3>Con Lui, abbiamo il piacere di esplorare il mondo della profumeria artistica, o di nicchia, un universo che preserva e conserva tutto un apparato qualitativo e creativo non rintracciabile nella profumeria tradizionale.</h3> <p>Marco Varriale e&rsquo; diventato ormai uno dei professionisti e dei veterani del settore ad Ischia. La sua profumeria artistica Essence, negli anni si &egrave; trasformata in un salotto d&rsquo;incontro, di comunicazione, di scambio, di amicizia, di educazione "nell'arte del profumarsi".<br />Attraverso le sue ricerche e la sua esperienza profumiera e&rsquo; riuscito a fondere unicit&agrave;, raffinatezza e classe in un modo naturale e spontaneo per donare personalit&agrave; con una soluzione olfattiva ideale.</p> </div> L’incanto del Parco Eden 2017-08-21T11:30:00+02:00 2017-08-21T11:30:00+02:00 http://www.ischia.it/it/l-incanto-del-parco-eden Milena Barbieri milena@pointel.it <div class="feed-description"><p><img src="images/Primavera-Ischia/parco-eden.jpg" alt="parco eden" width="100%" height="NaN" class="caption" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" title="Parco Eden" />Ci sono luoghi dove il tempo sembra fermarsi, spazi in cui ritrovare&nbsp; la serenit&agrave; e&nbsp; la pace che in questo mondo sembrano sfuggirci continuamente. Il Parco "Eden" di Ischia &egrave; in tal senso un'armoniosa oasi di bellezza e relax&nbsp; che sono sapientemente coniugate per regalare attimi di profonda serenit&agrave;. La magica atmosfera beach club del Giardino Eden nasce dalla straordinaria fusione dei rinomati punti cardine caratteristici dell&rsquo;Isola d&rsquo;Ischia: natura, storia e mare. Ai piedi della Torre di Guevara (oggi museo e struttura polivalente) ed al centro dell&rsquo;antica baia colonia di Aenaria (oggi sommersa), florido insediamento romano del quale si stima maggiore attivit&agrave; tra il I secolo a.C. ed il IV secolo d.C.</p> </div> <div class="feed-description"><p><img src="images/Primavera-Ischia/parco-eden.jpg" alt="parco eden" width="100%" height="NaN" class="caption" style="margin: 5px; border: 5px solid #d4c9c9; float: right;" title="Parco Eden" />Ci sono luoghi dove il tempo sembra fermarsi, spazi in cui ritrovare&nbsp; la serenit&agrave; e&nbsp; la pace che in questo mondo sembrano sfuggirci continuamente. Il Parco "Eden" di Ischia &egrave; in tal senso un'armoniosa oasi di bellezza e relax&nbsp; che sono sapientemente coniugate per regalare attimi di profonda serenit&agrave;. La magica atmosfera beach club del Giardino Eden nasce dalla straordinaria fusione dei rinomati punti cardine caratteristici dell&rsquo;Isola d&rsquo;Ischia: natura, storia e mare. Ai piedi della Torre di Guevara (oggi museo e struttura polivalente) ed al centro dell&rsquo;antica baia colonia di Aenaria (oggi sommersa), florido insediamento romano del quale si stima maggiore attivit&agrave; tra il I secolo a.C. ed il IV secolo d.C.</p> </div>